Grotta Su Mannau

Fluminimaggiore

La Grotta Su Mannau, rinomata per la sua bellezza naturalistica, l’importanza archeologica e l’interesse speleologico, sorge accanto alle miniere dell’Iglesiente, vicino alla Costa Verde. Una cavità sorprendente di origine carsica che si può ammirare nel sud-ovest della Sardegna.

A pochi chilometri da Fluminimaggiore ti immergerai nella magia che riposa nel sottosuolo dell’Iglesiente, tra stalattiti, stalagmiti e laghetti che riflettono la trasparenza dei cristalli.

Le formazioni calcaree sono ancora in continua evoluzione.

La terra più antica d’Europa

Questa serie di cavità naturali, sono un complesso del Cambriano Medio scolpito oltre 500 milioni di anni fa. L’antro si sviluppa per otto chilometri nel cuore della terra di Sardegna con due rami principali: quello sinistro (percorso turistico) del fiume Placido, e quello di destra originato dal fiume Rapido.

Considerata tra le più importanti della Sardegna, per le dimensioni e le caratteristiche dei suoi ambienti, accoglie il visitatore con un ampio salone che racconta della presenza dell’uomo sin dal terzo millennio a.C..  L’uomo la utilizzava come luogo di culto, infatti i resti delle lucerne a olio testimoniano i riti del culto dell’acqua. La grotta era collegata con il vicino tempio di Antas, raggiungibile da un sentiero che supera le colline circostanti.

La parte speleologica turistica si snoda per circa 500 metri, in un’escursione di un’ora su passerelle sospese, sopra cascatelle e laghetti di limpida acqua.

In queste acque trasparenti vive il raro Stenasellus Nuragicus, un crostaceo trasparente di antichissima genesi marina perfettamente adattato all’ambiente. L’escursione in grotta termina in un pozzo di 23 metri, accessibile con comode scale.

Da qui partono i rami speleologici veri e propri della Grotta Su Mannau.

Guide esperte e attrezzature dedicate sono indispensabili per visitare il resto della grotta e regalarsi così un’avventura fuori dal comune.

Le sale che si susseguono sono caratterizzate da colate alabastrine, perle di grotta e cristalli, colonne di 15 metri. Durante l’escursione speleologica si incontreranno il lago Pensile lungo 40 metri e profondo cinque, e il salone del Ribaldone alto 150 metri. Il viaggio nel sottosuolo termina nel salone degli Abeti, l’ultimo ambiente esplorato, alto 40 metri con pavimento adorno di ‘abeti’ di cristallo.

Scegliendo un’escursione in grotta scoprirai i segreti di una delle cavità più famose d’Italia. Un viaggio nel sottosuolo del Sulcis-Iglesiente che ti porterà a conoscere luoghi insoliti e a visitare saloni costellati da formazioni calcaree dalle dimensioni e dalle forme uniche.

ANCORA 1 SECONDO!

Ciao! Mi piacerebbe sapere quanto ti è piaciuto questo articolo.

0 / 5 3.6